“Sguardi in Fortezza”: una visione alternativa del cinema

Nove film in programma ogni lunedì sera da luglio ad agosto

sguardi fortezza

LIVORNO – Un mix tra documentari e film di finzione per far conoscere ai livornesi e a tutti gli amanti del cinema quei film di nicchia italiani e stranieri, che si discostano dalle classiche pellicole commerciali. È “Sguardi in Fortezza“, la seconda edizione della rassegna cinematografica che si svolgerà tutti i lunedì a partire dal 3 luglio in Fortezza Vecchia. Teatro della rassegna sarà la Quadratura dei Pisani che ospiterà un maxi-schermo cinematografico e circa 150 posti per gli spettatori. I film avranno inizio alle 21.30 e l’ingresso sarà di 5 euro compresa la consumazione al bar.

“Sguardi in Fortezza” nasce da un’idea dell’associazione culturale Nido del Cuculo, in collaborazione con il Circolo del cinema Kinoglaz, l’Autorità Portuale, Menicagli Pianoforti, Fortezza Bar e con il patrocinio del Comune di Livorno. “Questa iniziativa – ha detto l’assessore alla cultura Francesco Belais – ha l’obiettivo di tenere viva la scena culturale livornese. C’è un filo conduttore che unisce tutti i film di questo evento e cioè la presenza di personaggi incompresi, che hanno difficoltà a integrarsi nella società”.

Nove proiezioni in programma, nove film che: “O non sono passati al cinema o sono rimasti in sala davvero poco – ha detto Enrico Battocchi del Circolo del cinema Kinoglaz – offriamo agli appassionati di cinema e non la possibilità di apprezzare una selezione di visioni alternative ma di sicuro interesse, in alcuni casi con la presenza del regista“. Sarà così infatti per le prime due proiezioni in programma lunedì 3 e lunedì 10 luglio.

Il 3 luglio verrà proiettato “Crazy for football” (letteralmente Pazzi per il calcio), pellicola che ha vinto il David di Donatello nel 2016 nella categoria Miglior Documentario. “Crazy for football” racconta la storia di un gruppo di ragazzi che arrivano dai dipartimenti di salute mentale di tutta Italia e che giungono a Osaka in Giappone per disputare i campionati mondiali per pazienti psichiatrici. Il gruppo di ragazzi italiani rappresenta la prima nazionale italiana di calcio che concorre ai mondiali. Sarà presenta anche il regista Volfango De Biasi, protagonista di un dibattito.

Il 10 luglio altro docu-film dal titolo “Angelo Froglia. L’inganno dell’arte” con la presenza del regista Tommaso Magnano. Il documentario racconta la figura di questo artista controverso e spesso emarginato, morto nel 1997. Froglia è noto soprattutto per essere stato l’autore delle sculture utilizzate per la famosa “beffa” delle false teste di Modigliani avvenuta nel 1984, ma nella sua vita ha prodotto molte opere di pittura. A lui, il regista, dedica questo ritratto con l’obiettivo di rendere giustizia a una figura profonda e complessa. La proiezione sarà accompagnata da un’esposizione delle opere di Froglia a cura di Massimo Filippelli.

Il 17 luglio sarà la volta di “La notte che mia madre ammazzò mio padre“, commedia nera in stile Almodovar, per la regia di Inés Paris (già regista di “A mia madre piacciono le donne”). Nel film Isabel è un’attrice sposata con lo scrittore Ángel. Quest’ultimo è già stato sposato con Susana, regista cinematografica e invaghita di Isabel. Susana vuole entrare a tutti i costi nel cast del prossimo film di Ángel perciò decide di invitare i due coniugi nella sua bella casa scenario dell’audizione, ma alla serata partecipa anche un celebre attore argentino che Angel e Isabel vorrebbero scritturare nel film sollevando così le ire di Susana e creando imprevisti e diatribe.

Orecchie” sarà il film in programma per il 24 luglio. Pellicola dell’assurdo in bianco e nero, si incentra sul protagonista che ha un fastidioso fischio alle orecchie. La regia è di Alessandro Aronadio. Nel film alcuni attori famosi come Rocco Papaleo, Piera degli Esposti e Pamela Villoresi.

Il 31 luglio in programmazione c’è “Life, animated“: Owen è un giovane affetto da autismo che induce il ragazzo a chiudersi sempre più in se stesso. Il padre però si rende conto che esiste un modo per comunicare con il figlio parlando il linguaggio dei personaggi dei film della Disney. Regia di Roger Ross Williams. Il film è basato su una storia vera cioè la vicenda del secondogenito del giornalista americano Ron Suskind.

Dopo il film dello scorso anno dedicato all'”Universale” il cinema indipendente di Firenze, alla Fortezza arriva “Mexico! Un cinema alla riscossa” di Michele Rho, il 7 agosto. La pellicola racconta sotto forma di documentario la vicenda del cinema Mexico di Milano gestito da Antonio Sancassani da 30 anni in totale indipendenza e che ne cura ogni aspetto. Il cinema Mexico ogni venerdì sera proietta il Rocky Horror Show e il pubblico non si limita a guardare, si trucca e si veste come i personaggi e completa le battute durante la proiezione. Con Luca Bigazzi, Claudio Bisio, Giorgio Diritti e Paolo Mereghetti.

Il 14 agosto a pochi giorni dai 40 anni dalla morte di Elvis Presley (il 16 agosto) verrà proiettato “Elvis & Nixon“: qui Elvis chiede un incontro con il presidente americano perché ha un sogno, vuole entrare nell’FBI. Il film si concentra sul dialogo tra i due. Alla regia Liza Johnson. Con Michael Shannon e Kevin Spacey.

Gli ultimi due appuntamenti presentano due film italiani: il 21 agostoIndivisibili” di Edoardo De Angelis. È la storia di due sorelle siamesi che vanno in giro e si esibiscono cantando nelle fiere e dando così da vivere alla famiglia. Il loro mondo muta improvvisamente quando giunge una notizia inaspettata che rimette in discussione tutta la loro vita.

A chiudere “Sguardi in Fortezza” è, il 28 agosto, “Fiore” di Claudio Giovannesi. È la storia di una ragazza che si trova in riformatorio per aver rubato un telefonino, qui incontra un ragazzo e ha inizio una storia d’amore.

Valeria Cappelletti

 

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*