Al The Cage arriva “Godblesscomputers”

Una vera contaminazione tra mondi e linguaggi ritmici

Share
LIVORNO – “Solchi” il nuovo album  di “Godblesscomputers” è in arrivo per la prima data toscana del tour che lo porterà sul palco del teatrino di Villa Corridi  questa sera, sabato 21, alle ore 22. Legno, metallo e microchip sono proprio le parole scelte dall’autore per descrivere il suo nuovo lavoro e già ci lasciano intuire che la contaminazione tra mondi, linguaggi e tappeti sonori è l’essenza di un progetto musicale che rappresenta l’apice della scena elettronica nazionale.
Lorenzo “Godblesscomputers” è un collezionista di suoni concreti che esplora, cataloga, seziona, e ricompone con suoni di sintesi.  Berlino è  stato un passaggio fondamentale nella vita di Godblesscomputers che lo ha portato nel 2012 a far uscire “The Last Swan” (autoprodotto) e il suo seguito “Swanism” (Fresh Yo! Label),  che si addentrano in un tessuto di contaminazioni di suoni nella tematica della bellezza estetica e della rinascita ponendo le basi seminali per la collezione di rework dei Beastie Boys, “Lost in Downtown” disco in cui i rap taglienti e urbani convivono con le morbide suggestioni di un sofferto rhytmn & blues.
Al rientro in Italia di Godblesscomputers è uscito il primo disco in vinile “Freedom is O.K.” per la berlinese Equinox records, con un linguaggio maturo e strutturato che delinea un’estetica sempre più personale. L’incontro tra elettronica, hip hop, soul e dub, battiti organici, ritmi striscianti, incalzanti, sinuosi, lo porta ad essere riconosciuto sempre più tra le realtà sperimentali di successo e l’esplosivo mix lo fa suonare nei più prestigiosi palchi, quali Club 2 Club a Torino e Robot Festival di Bologna.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*