Ricevuti a Palazzo Comunale i poligrafici di Gedi Spa

Attesa a breve una nuova convocazione a Roma

gedi spa

LIVORNO – Nel pomeriggio di martedì 19 giugno, l’assessore alle attività produttive Francesca Martini e il presidente della commissione consiliare lavoro, Daniele Galli, hanno incontrato a Palazzo Comunale le RSU del gruppo GEDI Printing Spa di Livorno, la società che da sempre stampa negli stabilimenti di via dell’Artigianato tutte le edizioni del quotidiano Il Tirreno e l’edizione toscana di Repubblica. Nei giorni scorsi i rappresentanti sindacali hanno ricevuto comunicazione della prossima chiusura della stamperia di Livorno.

Dal prossimo autunno – sembra ormai certo – tutte le attività di stampa del gruppo editoriale Gedi (ex Finegil) in Toscana saranno trasferite a Firenze, sulla base di un accordo già firmato tra Gedi e Poligrafici Printing. La notizia della cessazione della storica attività di stamperia su Livorno ha gettato 29 famiglie nello sconforto. Giorni fa avrebbe dovuto tenersi un primo incontro a Roma, per aprire un tavolo di confronto sulle prospettive di lavoro, ma il tavolo è stato rimandato a seguito del drammatico suicidio di un lavoratore della Gedi di Gorizia, raggiunto da analoga notizia.

Si attende a breve una nuova convocazione a Roma per capire quali soluzioni saranno trovate per i 29 lavoratori poligrafici di Livorno. I rappresentanti della RSU hanno espresso forti perplessità in merito alla possibilità di un totale ricollocamento dei lavoratori presso gli stabilimenti di Firenze, e si temono trasferimenti a Mantova o a Roma.

“Esprimiamo innanzitutto solidarietà a questi lavoratori e vicinanza alle loro famiglie – ha dichiarato l’assessore Francesca Martini al termine dell’incontro. “Purtroppo siamo in presenza di un contratto già sottoscritto, e la vicenda non ha avuto grandi echi mediatici. Aspettiamo di conoscere, in base ai prossimi incontri e alle prossime comunicazioni, in quali termini la società pensa di riassorbire i dipendenti di Livorno. Dopodiché faremo il possibile affinché la trattativa si possa risolvere salvaguardando al meglio la realtà occupazionale di questa tradizionale e importante realtà produttiva cittadina”. Il presidente Daniele Galli ha espresso la propria disponibilità a convocare quanto prima una specifica commissione consiliare.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*