Turismo, tutte le novità per i croceristi che sbarcano a Livorno

La principale: 5 depliant in lingue diverse con tante informazioni

turismo
Da sn: Francesco Belais, Luciano Guerrieri, Gabriele Gargiulo. Foto: Giulia Monaco
  • di Giulia Monaco, Artan Sulova, Giovanni Tartarelli:

LIVORNO – Livorno deve iniziare a credere in stessa. Questo è il sentore comune che è emerso dalla conferenza stampa di stamani tenutasi negli uffici di LivornoPorto2000 al Terminal Crociere. Il presidente di questa società, Luciano Guerrieri, ha esordito illustrando le iniziative e i miglioramenti attuati al porto per il potenziamento dei servizi e dell’accoglienza.

Tra le varie attività promozionali sono stati creati cinque dépliant in cinque lingue diverse, scelte in base alla nazionalità dei turisti che più sbarcano nel nostro porto. Le lingue sono: francese, inglese, spagnolo, tedesco e ovviamente italiano. Questi opuscoli sono dotati di una mappa della città dove sono segnalati sia i luoghi storici da visitare, sia le zone più interessanti per lo shopping. Sul retro inoltre sono presenti brevi excursus storici sugli edifici, le piazze e i luoghi più importanti storicamente.

“Questa è la prima mappa della città dove è inserito anche il nuovo museo dei Bottini dell’Olio”, sottolinea l’assessore al turismo Francesco Belais. I dépliant saranno reperibili a bordo delle navi stesse, all’ufficio informazioni turistiche, ai Terminal.

Sono stati curati e migliorati anche altri due aspetti, che a primo impatto possono non sembrare inerenti al turismo: una riqualificazione e diversi investimenti sulla strumentazione e sulla sicurezza ed è stato aggiunto un servizio specifico per i passeggeri con mobilità ridotta.

Tutte queste migliorie già applicate a partire dall’inizio di questa stagione stanno facendo vedere i primi risultati. Rispetto a maggio 2017 infatti sono aumentati del 10% gli scali, passando da 91 (circa 150mila passeggeri) a 100 (circa 205mila passeggeri). Inoltre solo nel mese di maggio 2018 ci sono stati 14 scali overnight, ovvero le navi che hanno passato una notte, se non di più, in porto.

Gabriele Gargiulo, il dirigente per la promozione e la comunicazione dell’Autorità Portuale, l’anno scorso ha condotto uno studio sulle criticità e i disservizi intervistando i passeggeri e con il “Tavolo Accoglienza” sta realizzando alcuni obiettivi prefissati, come una “card ufficiale” con alcune agevolazioni per i turisti, in modo tale da collaborare anche con i negozi a terra.

L’importanza di Livorno come porto è cresciuta e sta crescendo molto grazie alla collaborazione e un altro fatto a dimostrarlo è stato il battesimo della nave della Viking Orion, compagnia che realizza navi da crociera, avvenuto a Livorno il 14 giugno scorso.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*