Toscana. 60 assunzioni nel gruppo delle Ferrovie

Tra la fine del 2017 e i primi mesi del 2018

TOSCANA – Saranno mille le assunzioni nel gruppo delle Ferrovie dello Stato previste tra la fine del 2017 e i primi mesi del 2018, di queste 60 saranno in Toscana e si sommano alle 100 già effettuate da inizio anno. Lo rivela Stefano Boni, segretario generale della Fit-Cisl Toscana, ecco il comunicato stampa dettagliato: “A seguito dell’accordo nazionale stipulato fra le organizzazioni sindacali e il Gruppo FS il 26 ottobre scorso, recepito dal ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il ministero dell’Economia e delle Finanze, si è dato avvio alla gestione del fondo per prestazioni solidaristiche straordinarie per il “ricambio generazionale” gestito dall’INPS, con il quale si prevede che, fra la fine del 2017 e i primi mesi del 2018, saranno effettuate circa 1000 assunzioni in vari profili professionali in tutto il territorio nazionale. La società Rfi sarà interessata per circa 330 unità, la società Trenitalia per circa 600 unità e Mercitalia Rail per circa 80 unità, sempre a livello nazionale”.

“Un numero importante di assunzioni sarà effettuato in Toscana – prosegue il comunicato – complessivamente sono previste 60 nuove assunzioni (circa 25 a RFI, circa 30 a Trenitalia e circa 5 a Mercitalia Rail) che vanno a sommarsi alle ultime 100 assunzioni complessivamente già effettuate dall’ inizio dell’anno. L’accordo stipulato il 26 ottobre 2017 è unico nel suo genere perché, per la prima volta, nelle Ferrovie si procede al ricambio generazionale a copertura del quale interviene il “fondo” finanziato a suo tempo dal contributo dei lavoratori e dell’azienda. L’accordo è stato voluto fortemente dal sindacato ed in particolare dalla Fit-Cisl per dare risposta ai molti lavoratori con elevata età anagrafica che sono impegnati in gravose attività di esercizio e nello stesso tempo, dare opportunità ai nostri giovani per trovare una occupazione stabile e gratificante“.

A cura della redazione

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*