Soste a pagamento: approvato in via definitiva il progetto

Saranno assunti 8 ausiliari addetti al controllo

soste pagamento
Share

LIVORNO – Si rivoluziona il piano della sosta nella nostra città: approvato in via definitiva il progetto che prevede la realizzazione, da parte dell’aggiudicatario del bando, di 11.500 parcheggi di sosta a pagamento (escluso residenti abilitati), oltre 4927 parcheggi per motocicli, 112 aree di carico e scarico e 436 parcheggi riservati a portatori di handicap, tutto nelle attuali Ztl e Zsc. Un piano che prevede anche l’assunzione di 8 ausiliari della sosta che dovranno effettuare controlli continui permettendo così alla polizia municipale di dedicarsi ad altre attività. “Entro la fine dell’anno – dichiara l’assessore alla mobilità Giuseppe Vece – si passerà così da una situazione di disordine e incertezza a una situazione di ordine e controllo”.

Questo  secondo l’assessore permetterà di razionalizzare e ordinare tutta la sosta nel centro città e ogni tipologia di veicolo avrà propri spazi riservati di sosta in carreggiata. “Dopo la nuova rete del trasporto pubblico locale – aggiunge l’assessore – che ha portato a Livorno l’introduzione di due linee ad alta mobilità, l’avvio di questo progetto che riguarda tutto il centro città, dopo i risultati positivi di Via Roma, Via delle Grazie, Piazza Mazzini, ai quali tra poco si aggiungerà Via Solferino, rappresenta la seconda grossa novità sulla mobilità a Livorno, attraverso la quale puntiamo a razionalizzare la sosta aumentando la sicurezza di tutti gli utenti della strada a partire dai pedoni”.

Gli interventi comporteranno un investimento pari ad € 1.308.371,45  e un costo di gestione di € 813.442,00, principalmente dovuti a costi del personale (pari ad € 496.598,00) dovuti all’assunzione egli ausiliari della sosta. “Questo duro percorso è durato un anno – conclude l’assessore – e ha subito qualche rallentamento, ma adesso nel giro di qualche mese possiamo decisamente trasformare il progetto in realtà”.

A cura della redazione

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*