Santomauro protagonista di un docu-film sugli emigrati del dopoguerra

Tratto dallo spettacolo teatrale "La grande gelata"

santomauro protagonista di un docu-film sugli emigrati del dopoguerra
Santomauro in una scena del docu-film
Share

Un docufilm che racconta il tema degli emigrati italiani verso la Germania dopo la grande gelata degli anni ’50. Protagonista è l’attore comico livornese Stefano Santomauro.

Prodotto da Canale Arte e dal St. Pauli Theater di Amburgo, il film con la regia di Ulrich Waller e la partecipazione di Daniela Morozzi, Adriana Altaras, Gianni Ferreri, Peter Franke, Jörg Kleemann, George Meyer-Goll, Sergio Pierattini e Anneke Schwabe racconta la vita di un italiano emigrato a Wolfsburg per trovare lavoro presso la Volkswagen.

Il docufilm, tratto dallo spettacolo teatrale “La grande gelata“, regia di Matteo Marsan, è una vera e propria fotografia di come la guerra e la fame abbiano portato moltissimi italiani ad emigrare all’estero. Il tema attualissimo sarà anche raccontato da interviste effettuate a personaggi realmente esistiti all’epoca.

“La grande gelata”

Negli anni Cinquanta e Sessanta l’Italia aveva difficoltà a dare un’occupazione a tutti i suoi abitanti e così, nel 1955, il governo stipulò dei contratti, anche con la Germania, per offrire delle opportunità di lavoro all’estero per chi lo desiderasse. Dopo una calamità naturale (“la grande gelata” appunto) del febbraio 1956, che causa la morte di quasi tutti gli olivi e vitigni, tanti giovani si lasciano alle spalle il paese, la famiglia, la patria e vanno verso nord, chi a Milano e chi, successivamente, in Germania. Molti di loro arrivano nelle miniere o nelle fabbriche, per esempio a Wolfsburg presso la Volkswagen.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*