Ristoratori Confcommercio di Livorno: “Aperti con tavoli distanziati”

Un crollo delle presenze del 70-80 per cento nell'ultimo week-end

Giovanni Neri, presidente provinciale dei Ristoratori Confcommercio
Share

Pubblicato ore 14:12

LIVORNO – I ristoratori Confcommercio di Livorno approntano un piano di emergenza: restiamo aperti con tavoli distanziati e misure igieniche adeguate.

Giovanni Neri, presidente provinciale dei Ristoratori Confcommercio, fa il punto sulla crisi Coronavirus: “Stante la situazione di emergenza e la necessità di limitare quanto più possibile il contagio del Coronavirus, avvertiamo che come da decreto del Presidente del Consiglio, i ristoratori Confcommercio di Livorno e provincia si impegnano a esporre cartelli con gli aggiornamenti circa le nome igieniche da seguire nonché a garantire la presenza di presidi sanitari. La capienza dei locali viene ridotta per mantere la distanza di sicurezza interpersonale – prosegue – Vista la situazione abbiamo inviato al sindaco una lettera in cui i ristoratori si mettono a disposizione per fornire pasti (per esempio per gli hotel senza cucina che vengono convertiti in strutture sanitarie)”.

“Per quando riguarda invece la situazione economica – ha proseguito Neri – non possiamo che riportare il crollo delle presenze del 70-80 per cento nell’ultimo week-end. Chiediamo al sindaco Salvetti e chiederemo formalmente ai sindaci dei comuni della provincia di Livorno un intervento urgente per sospendere intanto il pagamento dell’intera tassazione locale”.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*