Presentato il bando per Livorno capitale della cultura. Aperte le candidature

Scadenza la mezzanotte del 24 maggio

La Fortezza Nuova
  • di Olimpia Capitano

LIVORNO – Nel segno della massima apertura e della piena volontà di coinvolgere l’intera cittadinanaza nel percorso che porterà Livorno ad affrontare la candidatura come capitale della cultura italiana 2021 stamani, 24 aprile, si è tenuta una conferenza stampa volta a presentare e a lanciare la manifestazione d’interesse per raccogliere le proposte legate alla promozione della città, in vista di una valorizzazione che guarda al breve termine e che si rivolge anche a prospettive future.

Sono intervenuti Marco Leone, direttore generale della Fondazione Teatro Goldoni, e Antonio Bertelli, dirigente del team operativo dell’Amministrazione comunale verso “Livorno Capitale Italiana della Cultura 2021”.

Il Progetto

La proposta è aperta ad associazioni, imprese e anche singoli cittadini di ogni nazionalità ed età e prevede di accogliere e prendere in analisi proposte ben strutturate, pensate per enfatizzare la rilevanza culturale della nostra città. L’idea è quella di coinvolgere i cittadini in tutto questo lungo momento di lavoro di promozione culturale anche per far sì che i livornesi stessi siano i primi a credere nelle potenzialità della propria città come plausibile vincitrice del titolo di capitale della cultura italiana e affinché ci sia un vivo senso di partecipazione in questa direzione.

Le proposte potranno spaziare da istanze progettuali che intendano promuovere ciò che già esiste, a tentativi completamente innovativi di creazione, per i quali il Comune sarà disposto a un finanziamento pari a 50.0000 euro, incentivando progetti coerenti e lineari che si strutturino secondo un senso di reciproca relazionalità e continuità.

I temi

Gli ambiti possibili sono molto vasti e dal punto di vista tematico si legano ai 5 elementi: terra, ossia proposte riguardanti il paesaggio, prodotti della terra, enogastronomia, percorsi di turismo responsabile, le vie dei sapori; acqua, e perciò progetti legati al mare e alle vie d’acqua; aria, tutto ciò che si leghi alla parola, al mondo delle idee, dell’innovazione, all’uomo e allo spazio; fuoco, quindi idee su creatività, arte, cultura, innovazione applicata al mondo dell’Arte; etere, quinto elemento per Aristotele, l’essenza, l’anima delle cose, il carattere, la peculiarità, la livornesità.

Il Bando e le scadenze

Per scegliere, finanziare e promuovere il bando, il Comune ha creato un progetto e un sito specifico, con relativo bando. Le idee progettuali devono pervenire entro il 24 maggio a mezzanotte attraverso le modalità di iscrizione
elencate sul sito “Livornine 5.0”.

Tutta la documentazione da produrre deve essere in lingua italiana. I contributi devono riguardare idee progettuali da realizzare nel periodo compreso tra l’1 ottobre 2019 e il 31 dicembre 2021. Ogni comunicazione successiva avverrà tramite la mail indicata dal proponente. È possibile presentare più idee personali e da parte di soggetti tra loro raggruppati, coordinati o comunque in rete.

Le Livornine 5.0

Livorno ha deciso di proporsi come Capitale della Cultura Italiana al Consiglio dei Ministri, sulla base del progetto “Le Livornine del XXI secolo” denominato “Livornine 5.0” che trae spunto dall’atto fondativo della città, rappresentato dalla proclamazione del porto franco e dall’emanazione delle Leggi Livornine da parte del Granduca Ferdinando I° de’ Medici, atti che hanno determinato in modo indelebile il modo di essere della città e sono state alla base di un successo economico sociale e culturale durato per secoli.

Partendo da qui si propone un bando che accoglierà vari progetti utilizzabili come leva culturale per generare coesione sociale, integrazione senza conflitti, creatività, innovazione, crescita e infine sviluppo economico e benessere individuale e collettivo, crescita cooperazione e sinergie.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*