Pedalata silenziosa a favore della solidarietà

Fiori bianchi e palloncini a sostegno delle persone colpite dall'alluvione

Il momento in cui sono stati legati i fiori e i palloncini. Foto: Livornosera
Share

LIVORNO – Fiori bianchi e palloncini legati a un palo a pochi passi dal mare per lanciare un messaggio di sostegno e vicinanza a quelle persone che hanno subito danni durante l’alluvione, poi tutti in sella alle biciclette per la pedalata silenziosa.

È partita dalla Rotonda di Ardenza, questo pomeriggio, giovedì 28, l’iniziativa organizzata da Fiab Livorno e Pandaciclisti del WWF Livorno: tutti in bicicletta, mamme e papà, bambini, anziani, uniti per una pedalata silenziosa e solidale.

Un lungo serpentone, partito dalla Rotonda, e che è andato crescendo durante il percorso di circa 7 km che ha attraversato il lungomare facendo tappa a Barriera Margherita per poi proseguire lungo viale Nazario Sauro, viale dei Pini, via Pirandello, via Roma, piazza Attias, via Ricasoli, piazza Cavour, piazza Grande, via Grande, piazza della Repubblica, via Garibaldi, per concludersi in piazza Barriera Garibaldi. Qui alle 19 si svolgerà lo spettacolo di Fabrizio Brandi “Ci vuole fegato”.

Poco prima dell’inizio dello spettacolo Graziella Rossini, organizzatrice della pedalata, ha detto: “In tantissimi eravamo a pedalare, abbiamo invaso la città e l’obiettivo era di essere solidali con quello che è successo”. Poi è seguito un minuto di silenzio in ricordo delle vittime dell’alluvione.

Obiettivo della pedalata silenziosa, che ha visto la collaborazione dei Quartieri Uniti EcoSolidali, del Coordinamento Livorno Porto Pulito, della Fondazione Teatro Goldoni, del patrocinio del Comune di Livorno e della Regione  Toscana, è quello di lanciare un monito per ribadire la necessità di un cambio di stile di vita a favore di una mobilità sostenibile, contro le vittime della strada e dei disastri ambientali.

A cura della redazione

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*