“Nelle mie mani” la voglia di rialzarsi dopo l’alluvione

Intervista a Roberto Balestri autore della canzone con Leonardo Frangioni

nelle mie mani
Da sinistra: Leonardo Maua Frangioni e Roberto Balestri
Share
  • di Valeria Cappelletti:

LIVORNO – “E facciamo così, che adesso prendi le mie mani sporche di fango senza sogni e da domani possa il sole che sorge sopra questi rami accarezzarci la pelle e benedire i nostri mari”. Parole piene di speranza che guardano alla terribile alluvione del 10 settembre e che sono state scritte da due giovani: Leonardo Frangioni, in arte Maua, e Roberto Balestri, entrambi 23enni. Il primo cantautore pisano con influenze blues/folk, il secondo cantautore livornese con influenze pop/elettronica, uniti come sono unite le mani della loro canzone che si intitola proprio “Nelle mie mani” e che uscirà domani, venerdì 10. Abbiamo fatto quattro chiacchiere con Roberto, l’anima social del “duo”.

Roberto Balestri

Roberto, come è nata questa idea?
Leonardo e io stavamo lavorando alla realizzazione del nostro primo album che si intitolerà “5 e 5” e, circa un mese fa, lui arriva da me con il testo di una canzone che parlava di Livorno e che raccontava di quanto era accaduto la notte dell’alluvione. Subito ho pensato che questo brano era perfetto per poter dare il nostro piccolo contributo così abbiamo lavorato al testo e alle musiche, poi ho contattato Toto Barbato (direttore artistico del The Cage e ideatore di “Bella Livorno” insieme al Comune n.d.r.) e gli ho chiesto se potevamo utilizzare il marchio di “Bella Livorno” con l’obiettivo di unire la canzone all’IBAN del conto corrente comunale, creando un video e condividendolo su Facebook.

E dopo cosa è successo?
Abbiamo chiamato un po’ di amici e amiche cantanti che ci hanno aiutato nella realizzazione dei cori, perché questo brano è un po’ particolare, è in stile gospel. L’idea di utilizzare questo stile è venuta a Leonardo prendendo spunto da Bruce Springsteen che, dopo i tragici fatti dell’11 settembre, ha realizzato una canzone di questo genere.

E il 10 novembre cosa accadrà?
Da quella data “Nelle mie mani” di Maua&Balestri sarà ascoltabile su YouTube e il video mostrerà un’illustrazione realizzata da “Tutte le Mele di Annie” di Valentina Savi . L’obiettivo è di condividere il video il più possibile per diffondere i dati del conto aperto dal Comune di Livorno per la raccolta fondi a favore delle persone alluvionate. Questo è il nostro piccolo contributo artistico, una goccia nel mare all’interno di quel grande contenitore che è “Bella Livorno” e che ha unito la città in un momento così difficile.

Leonardo Maua Frangioni

Come vi siete conosciuti tu e Leonardo?
Una sera ho assistito a un suo concerto in un locale livornese e poi l’ho rincontrato al DAMS a Firenze che entrambi frequentiamo e così siamo diventati amici. Abbiamo tutti e due la passione per la musica, io suono pianoforte e chitarra, Leonardo la chitarra e un bel giorno abbiamo deciso di provare a fare qualcosa insieme, tra la primavera e l’estate prossime uscirà il nostro primo album “5 e 5”, cioè cinque canzoni mie e cinque canzoni di Leonardo.

“Nelle mie mani” vede la partecipazione di diverse voci del panorama toscano: Gabriele Puccetti, Matteo Freschi, Angela Spina, Azzurra Bracci, Cecilia Ciocca, Jomari Cervasio, Giulia Ciardi, Alessandra Giachetti, Antonio Amendolea. Testo e arrangiamento di Maua&Balestri. Musica di Maua. Produzione di Balestri. In attesa di ascoltare la canzone, potete leggere il testo di seguito:

Il cielo intero è caduto sulla terra
e con fatica riconosco quel che resta
di questa mia città di vicoli e di mare
di cibi profumati e porte spalancate

Il cielo intero è caduto a capofitto
con l’acqua che è arrivata fino al
soffitto
e adesso che i fiumi sono nelle strade
è tutto ciò che si vede

E facciamo così che adesso prendi le
mie mani
sporche di fango senza sogni e da
domani
possa il sole che sorge sopra questi
rami
accarezzarci la pelle e benedire i
nostri mari

Il cielo è ancora intero e stringo forte i
denti
domani sarà striato di stelle cadenti
per ogni giorno di pioggia che Dio
manda in terra
per ogni terra promessa

E facciamo così che adesso prendi le
mie mani
sporche di fango senza sogni e da
domani
possa il sole che sorge sopra questi
rami
accarezzarci la pelle e benedire i
nostri mari

Che ci sia fede nelle mie mani
Che ci sia forza nelle mie mani
Che ci sia amore nelle mie mani
Che ci sia speranza nelle mie mani
Che ci sia sudore nelle mie mani
Che ci sia fango nelle mie mani
Che ci siano sogni nelle mie mani
Che ci sia coraggio nelle mie mani
Che ci sia terra nelle mie mani
Che ci sia fatica nelle mie mani
Che ci siano pietre nelle mie mani
Che ci sia vita nelle mie mani
Come un fiume
Come pioggia
Come l’alba
Che ci sia forza

Nelle mie mani

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*