Mostra Modigliani, lunedì forse la firma. Lega e FdI votano contro

Il centrodestra nutre perplessità sul costo dell'operazione

compelanno modì
Amedeo Modigliani
Share
  • di Valeria Cappelletti

LIVORNO – Mostra di Modigliani: il consiglio comunale si è riunito oggi, 12 settembre, per approvare la variazione di bilancio da 2 milioni di euro per dare inizio alle operazioni che porteranno all’allestimento della mostra in città in occasione dei cento anni dalla morte.

Alla mostra, che si svolgerà presso il Museo della Città da novembre a febbraio e accoglierà 14 opere per un valore di 540 milioni di euro, l’Amministrazione comunale ha iniziato a lavorare da circa un mese.

L’intervento del sindaco

“Lunedì – dichiara il sindaco Luca Salvetti – molto probabilmente andremo a siglare il contratto con Restellini”. Marc Restellini sarà il curatore della mostra, storico dell’arte e un direttore di musei francesi, riconosciuto tra i massimi esperti e specialisti dell’artista Amedeo Modigliani. “Abbiamo strutturato un percorso difficile – ha proseguito Salvetti – perché ci andiamo a scontrare con un contratto che ha caratteristiche internazionali, con riferimenti che riguardano la legislatura inglese e con un quadro finanziario difficile da delineare. Questa mostra è un salto di qualità per tutta la città, con i vari assessori ci stiamo già muovendo per risolvere il problema della destagionalizzazione perché nel periodo della mostra, da novembre a febbraio, il settore turismo a Livorno non prevede grosse presenze. Intendiamo quindi fare un lavoro con i tour operator perché in quel periodo arriveranno a Livorno 140 navi da crociera e vogliamo che i turisti abbiano la possibilità di scegliere la visita alla mostra”.

Viola Ferroni, assessore al bilancio, ha poi precisato che: “Le uniche entrate arriveranno da due contributi: di 100mila euro da parte della Fondazione Livorno e di 50mila euro della Regione Toscana, tutto il resto delle entrate sono coperte dai biglietti per una cifra stimata di 900mila euro in due anni per circa 60mila presenze, ma la stima dei visitatori è al ribasso”.

Nel corso del dibattito è stato affrontato anche l’aumento della tassa di soggiorno che nel 2020 raddoppierà arrivando anche a 5 euro per gli hotel a 5 stelle.

La votazione

Al momento della votazione per l’approvazione della variazione di bilancio, 21 sono stati i voti favorevoli (PD, Buongiorno Livorn, Movimento 5 Stelle, Casa Livorno, Futuro), 5 contrari (Lega e Fratelli d’Italia) e un astenuto (il Presidente del Consiglio Comunale).

Lega

Costanza Vaccaro (Lega) è intervenuta spiegando: “Noi non siamo contrari a un evento così importante, Livorno deve diventare attrattiva dal punto di vista turistico puntando sulle sue caratteristiche e di certo una mostra dedicata a Modigliani è un ottimo biglietto da visita. Varie perplessità derivano dal fatto che si tratta di una mostra itinerante che da dieci anni si sposta nelle principali città e che può non suscitare lo stesso tipo di interesse che susciterebbe una mostra nuova e che magari in molti hanno già visto. Altra perplessità deriva dalla dichiarazione del sindaco secondo cui si attendono 140 crociere tra novembre e febbraio, ha verificato questo dato? Perché da una lettura mi risultata che siano solo una trentina di crociere”. Giulia Pacciardi (Lega) ha aggiunto: “Siamo perplessi sulla tempistica, due mesi sono pochi per mettere la città, che ha un’offerta turistica pari a zero, nelle condizioni di accogliere così tanti turisti e perplessi sulle spese, temiamo che una cifra così alta comporterà il non riuscire a fare altro”.

Lenzi e PD

L’assessore alla cultura Simone Lenzi ha sollecitato i consiglieri comunali della Lega di essere tutti uniti in questa iniziativa.

Federico Mirabelli (PD) ha invece parlato di “Un investimento, un’operazione coraggiosa, ci sono dei rischi ma vale la pena correrli perché un’occasione così non si sa quando potrà ricapitare. Si può dare una scossa alla città. Deve essere una scommessa per alzare il tiro sugli eventi culturali e per innescare un effetto domino. Cristina Lucetti (PD), ha aggiunto: “Rimettere al centro la cultura significa rimettere in moto lo sviluppo culturale, economico, produttivo e sociale della città”.

Buongiorno Livorno

Marco Bruciati (Buongiorno Livorno), ha sottolineato: “L’operazione ha i caratteri dell’eccezionalità. Riteniamo che ci siano alcuni elementi critici sono: il primo è l’affidamento alla Fondazione Goldoni (che si occuperà dell’allestimento della mostra, n. d. r.) per quanto sia un ente strumentale pubblico non è propriamente una società in house alla quale possono essere affidati qualsiasi tipo di servizi, c’è una giurisprudenza che negli ultimi anni, ha dato pareri di sentenze negative ad alcuni affidamenti che gli enti comunali hanno fatto verso fondazioni assimilabili alla Fondazione Goldoni. Questo non vuol dire non farlo, ma di fare molta attenzione”.

Movimento 5 Stelle

Stella Sorgente (Movimento 5 Stelle) ha detto: “Perplessi per la delibera sulla tassa di soggiorno che raddoppia, ponendoci al pari di un Comune come Firenze, necessario un incontro con le associazioni di categoria e perplessi sulla cifra data alla Fondazione Goldoni che ci sembra troppo alta per un evento che non rappresenta il core business della Fondazione”. La Fondazione Goldoni riceverebbe oltre 450mila euro per l’allestimento della mostra.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*