Mascherine. Rossi firma l’ordinanza: tra sette giorni obbligatorio indossarle

Saranno distribuite ai cittadini dai sindaci dei comuni

rossi ordinanza mascherine obbligatorie
Enrico Rossi
Share

Pubblicato ore 17:30

“Ho appena firmato l’ordinanza che rende obbligatorio entro 7 giorni a partire da oggi (6 aprile, n.d.r.) l’uso della mascherina in tutti quegli ambienti pubblici o privati in cui è necessaria la distanza sociale di 1,8 metri come disposto dall’Organizzazione Mondiale della Sanità”, è quanto ha scritto il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi sulla sua pagina Facebook.

“Cari cittadini – ha poi aggiunto in un video postato poco fa su Facebook – è in corso la distribuzione di 8 milioni e mezzo di mascherine monouso FFP1 equivalenti alle mascherine chirurgiche a tutti i cittadini della Toscana, le abbiamo mandate a tutti i Comuni stamani, affinché vengano distribuite casa per casa evitando assembramenti. Pensiamo che siano un primo elemento di prevenzione, anche se, avere la mascherina non autorizza a uscire di casa, resta infatti la possibilità di uscire solo per motivi di necessità o di salute. Il numero limitato che distribuiamo è dunque sufficiente dato che non tutti i giorni andiamo a fare la spesa. La gratuità dà un messaggio di vicinanza. Pensiamo a un rifornimento costante per i cittadini della Toscana”.

Rossi ha poi specificato: “Obbligatorio mettersi la mascherina nelle situazioni all’aperto, in spazi pubblici o privati aperti al pubblico l’laddove la distanza sociale è obbligatoria ed sarà obbligatorio indossarla in spazi chiusi, pubblici o privati, per esempio sui mezzi pubblici, per chi si reca nei negozi e nei supermercati, in banca o in altri uffici privati o pubblici. Però non possiamo far calare dall’alto questa decisione senza aver stabilito una gradualità, e la quindi l’ordinanza dell’obbligatorietà entra in vigore quando il sindaco, che deve distribuire le mascherine casa per casa, ci informerà che è avvenuta la consegna. Abbiamo dato un tempo massimo di 7 giorni per la distribuzione. Si tratta di un aspetto non secondario prevenire e contenere la diffusione dell’infezione”.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*