Sicurezza, se il bambino non è all’asilo, la scuola chiama i genitori

Obbligo in caso di assenza ingiustificata

Share

LIVORNO – Se un bambino non è al nido gli insegnanti chiameranno la famiglia: “La sicurezza dei bimbi che frequentano i nidi è la nostra priorità assoluta. Per questo da inizio anno abbiamo dato disposizioni alle insegnanti di chiamare i genitori in caso di assenza ingiustificata”.

La vicesindaco Stella Sorgente ricorda così alle famiglie livornesi che mandano i loro figli alle scuole d’infanzia comunali l’esistenza di questo servizio in vigore da inizio anno”. Tra questi, quello di maggior rilevanza è previsto al punto: “Tenuta del registro delle presenze dei bambini” in cui viene riportato il testo: compilazione giornaliera del registro delle presenze dei bambini con segnalazione tramite mail, all’Ufficio Sistema Integrato dell’Infanzia e delle eventuali assenze ingiustificate (ovvero non comunicate dalla famiglia); al fine di prevenire il verificarsi di episodi che possono determinare danni gravissimi, anche mortali, ai bambini e alle bambine – in caso di mancata comunicazione dell’assenza da parte dei genitori – l’educatrice/insegnante a cui è affidato il compito è tenuta a contattare telefonicamente la famiglia, tramite i recapiti forniti in fase di iscrizione, al momento della quotidiana rilevazione dell’assenza non comunicata.

Si tratta di un importante servizio aggiuntivo, di prevenzione e di collaborazione diretta tra scuola e famiglie, ma che, in caso di fatalità, non comporta alcun tipo di responsabilità diretta da parte degli insegnanti, in quanto, per legge, la scuola può rispondere solo di ciò che accade all’interno degli edifici scolastici.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*