“Iodio e salute”: controlli gratuiti alla tiroide per bambini e ragazzi delle scuole livornesi

Hanno aderito all'iniziativa oltre mille studenti

truffa falsi volontari croce rossa per coronavirus
Share

Pubblicato ore 14:00

LIVORO – Oltre mille tra studenti e personale delle scuole primarie e secondarie di Livorno e provincia parteciperanno al progetto “Iodio e salute” che propone controlli ecografici gratuiti alla tiroide e interventi di sensibilizzazione sul corretto apporto di iodio fin dall’infanzia.

“Si tratta di un progetto molto innovativo – spiega Francesco Farneti, promotore e coordinatore dell’iniziativa – nato a livello nazionale dal protocollo d’intesa tra il Ministero dell’Istruzione e l’Istituto superiore di Sanità con l’Associazione italiana tiroide (Ait) e Associazione medici endocrinologi (Ame). L’idea alla base è quella di sensibilizzare il personale scolastico, gli studenti, le relative famiglie sulla necessità di assumere una adeguata quantità di iodio per prevenire disfunzioni o intercettare precocemente eventuali problematiche”.

Per questo motivo grazie alla collaborazione dei medici del reparto di Endocrinologia, dell’Associazione Ammalati di Tumore alla Tiroide (Atta), dell’Ufficio Scolastico Provinciale, dell’Ufficio Scuola della Diocesi e della Confcommercio verrà distribuito del materiale informativo, ma anche pacchi di sale iodiato e, a partire dalla prossima settimana, nelle scuole verranno proposti controlli gratuiti da eseguire, con tutti i consensi necessari, direttamente nelle scuole.

“L’uso ormai quotidiano di sale iodato – ammette Daniele Barbaro, direttore di Endocrinologia Livorno – ha ridotto drasticamente il problema del gozzo e dei noduli, ma non dobbiamo dimenticarci che ogni anno in Italia ci sono 40mila interventi di rimozione della tiroide. Il carcinoma della tiroide è spesso asintomatico o porta effetti non facilmente riconducibili, come stanchezza o dimagrimento, ma proprio per questo merita specifica attenzione. La prevenzione rimane sempre l’arma migliore.”

Le scuole che hanno aderito all’iniziativa sono a Livorno l’Istituto comprensivo Bolognesi (plessi Campana e Micheli), l’Istituto comprensivo Bartolena (plessi Bartolena, Lambruschini, La Rosetta, Cattaneo, Salviano-Canaccini, Villa Corridi, Ciribiccioli), l’Istituto comprensivo Guerrazzi di Cecina (plesso Galilei), l’Istituto comprensivo Carducci-Fattori di Rosignano (plesso Fattori).

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*