Effetto Venezia, arriva il Piano Safety con le misure di sicurezza

Sono indicate le informazioni e i divieti imposti dalla circolare Gabrielli

effetto venezia sicurezza

LIVORNO – In occasione di Effetto Venezia, è stato redatto un decalogo da parte di amministrazione comunale, Protezione civile del Comune di Livorno, Prefettura e Questura, con una serie di misure di sicurezza da rispettare rivolto sia i cittadini che intendono partecipare alla kermesse, sia ai commercianti.

“La circolare Gabrielli del luglio dello scorso anno impone questo tipo di accorgimenti – afferma il sindaco Filippo Nogarin – con un unico scopo: garantire lo svolgimento della manifestazione in totale sicurezza. In particolare è stato deciso di proibire l’uso del vetro durante manifestazioni pubbliche. Non dimentichiamo che a Torino il 3 giugno del 2017 una persona è deceduta e altre 1527 sono rimaste ferite proprio a causa dei contenitori di vetro abbandonati in piazza San Carlo. Sono certo che i cittadini capiranno e sopporteranno questi piccoli disagi: la sicurezza viene prima di tutto”.

Per informare i cittadini verranno affisse alcune locandine in corrispondenza degli ingressi. Il piano Safety prevede la presenza di 44 operatori che sorveglieranno 14 ingressi per un totale di 100 operatori che controlleranno l’area delimitata dalle ore 18 alle ore 1 nei giorni 1 e 5 agosto e dalle ore 18 alle ore 2 dei giorni 02, 03, 04 agosto 2018.

Ecco di seguito le regole qui trovate le locandine che verranno affisse in corrispondenza dei varchi:

Varchi di ingresso
I varchi 2, 13 e 14 sono utilizzabili soltanto in uscita, ad eccezione dei disabili e dei loro accompagnatori. La distanza massima al successivo varco in entrata è di 90,00 metri.

2. Controlli ai varchi di ingresso
Come ogni anno l’ingresso alla manifestazione “Effetto Venezia 2018” è gratuito.
Per motivi di sicurezza inerenti l’introduzione di contenitori in vetro, ai varchi di ingresso si prevede un controllo a campione di borse, zaini e contenitori esclusivamente finalizzato a verificare che non vengano introdotte bottiglie in vetro. Il controllo verrà effettuato da personale abilitato ai sensi del D.M. 08/08/2007 (steward).

3. Ingresso e posteggio disabili
Il varco n. 2 di via Pollastrini è riservato all’ingresso ed al parcheggio dei mezzi che espongono apposito contrassegno disabili. Un altro posteggio riservato ai possessori di contrassegno disabili è stato individuato in via San’Anna, in prossimità del varco d’accesso a piazza del Luogo Pio.

5. Area riservata ai disabili

Di fronte al palco di piazza del Luogo Pio è stata riservata un’area per assistere agli spettacoli. Il personale di sicurezza in servizio è incaricato di agevolare l’accesso delle persone con disabilità a quest’area riservata.

4. Mezzi di locomozione
Il quartiere Venezia verrà interdetto al traffico ed alla sosta dei veicoli, quali automobili, ciclomotori e motocicli. Nello stesso orario verrà interdetto anche l’accesso alle biciclette. Si consiglia ai residenti di rientrare con le biciclette prima delle ore 18:00.

Ordinanza antivetro

L’ordinanza sindacale antivetro prevede poi ulteriori limitazioni che cittadini, residenti e commercianti saranno tenuti a rispettare. Limitazioni che saranno in vigore dalle 18 di ogni giorno in cui si svolge la manifestazione, fino alle 7.00 del mattino del giorno successivo.

1. divieto del consumo, della vendita e della somministrazione per asporto di bevande di ogni genere in bottiglie di vetro, bicchieri di vetro e lattine
2. divieto di portare con sé all’interno dell’area ove si svolge la manifestazione Effetto Venezia, nonché di consumare e/o abbandonare bottiglie di vetro, bicchieri di vetro e lattine o comunque qualsiasi altro contenitore realizzato con tali materiali;
3. gli esercizi abilitati alla ristorazione potranno somministrare bevande in contenitori di vetro o lattine ai propri avventori esclusivamente durante la consumazione dei pasti ai tavoli;
4. è consentita la somministrazione ed il consumo delle bevande in bottiglie di vetro, bicchieri di vetro e lattine solo all’interno dei locali e nelle loro aree di pertinenza, pubbliche e/o private comunque assegnate in concessione, che aggettano anche sulla pubblica via.

L’amministrazione raccomanda ai residenti di osservare i divieti di sosta interni all’area, durante il pomeriggio, oltre alle misure delle occupazione concesse per i commercianti.

© Vietata la riproduzione

1 Comment

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*