Dodici mesi con i bimbi motosi: ecco il calendario

Tante immagini per raccogliere fondi per gli alluvionati

calendario
Tutti insieme per presentare il calendario
Share
  • di Valeria Cappelletti:

LIVORNO – Volti sorridenti, fango ovunque, piedi scalzi, abbracci, ma soprattutto nessun segno di fatica. Sono i tratti distintivi del calendario 2018#bimbi motosi. Insieme per sostenerLi!!” che è stato presentato questa mattina alla Baracchina Rossa. Il calendario nasce dall’idea di due donne e mamme Barbara Suich e Cristina Giaconi, fondatrici della pagina Facebook bimbi motosi dove venivano pubblicate decine e decine di immagini che ritraevano ragazzi a lavoro per aiutare le famiglie colpite dall’alluvione. “Volevamo che tutte queste foto non andassero perse – racconta Cristina Giaconi – e così abbiamo deciso di farne un calendario che è nato per ringraziare tutti i ragazzi”.

calendario
Un momento della conferenza

Dodici mesi che raccontano l’impegno di tanti giovani: “L’idea è nata proprio dai social – ha proseguito Barbara Suich – spesso usati in malo modo ma che possono anche diventare una grande opportunità se si incontrano persone come l’associazione Reset”. Reset infatti ha sostenuto l’idea. Nata nel 2001, questa associazione, presieduta da Giuseppe Pera, ha lo scopo di perseguire finalità legate alla tutela e alla valorizzazione dell’ambiente, tra le tante iniziative la realizzazione di un calendario, nel 2014, per la riparazione del tetto della palestra Il Prato dell’Associazione Sportiva Handicappati di viale Carducci.

“Il progetto grafico è volutamente allegro – ha detto Roberta Diciotti, grafica di Reset – perché i ragazzi hanno portato allegria in un momento molto tragico. Vogliamo che ci sia il ricordo della solidarietà, non della Livorno ferita”.

Il calendario disponibile in due formati, A4 e A5 (con un’offerta base rispettivamente di 10 e 5 euro), è arricchito dalla toccante poesia scritta da Giovanni BondiRio Boia” che compare sulla prima pagina e che dice così: “…son loro gli eroi di Livorno, i bimbi motosi. Muniti di pala, di riso e d’amore con fiati affannati puliscono l’anime di noi alluvionati. Grazie ragazzi, bimbi piccini, che esempio a noi grandi malati di mimi e di gesti eclatanti. Ci avete insegnato l’amore e la gloria, uniti per sempre, una sola vittoria. Livorno risorgi lontana dai guai, non piegarti un istante, giammai”. “Con questa poesia – ha detto il comico livornese – ho voluto far capire che questi ragazzi sono un esempio e che non sono solo legati all’I-Phone. A Livorno troppo spesso si fanno tanti discorsi, ma pochi fatti. Questa poesia è per far capire che dobbiamo premiare chi fa, e i bimbi motosi con il loro impegno hanno dimostrato che si deve fare e che i discorsi li porta via il vento”.

calendario
Benedetta De Vanni e Giovanni Bondi

La poesia è stata letta durante la conferenza stampa da Benedetta De Vanni, una delle bimbe motose che poi ha detto: “Il danno più grave di questa alluvione è stato lo squarcio che ha causato nel cuori di tutti, ma al tempo stesso questo evento è stato come una lezione catartica perché ci ha spinto a essere più livornesi e a unirci ancora di più, tirando fuori quella solidarietà che ha spinto centinaia di persone a scendere in campo e a mettersi in gioco. C’erano persone provenienti da ogni parte della provincia toscana e questo mi ha molto stupito. Io mi trovavo in Collinaia ed era uno scenario apocalittico, abbiamo operato in cantine al buio colme di fango, per ore e ore, e per lo più si trattava di ragazzi, ma anche di bambini. La nostra è additata come una generazione di “sdraiati” cioè di persone che non hanno voglia di far niente, noi abbiamo dimostrato il contrario”.

Tanti gli sponsor che hanno partecipato all’evento e che: “Hanno permesso di coprire subito i costi di realizzazione dei calendari dunque l’intero ricavato sarà devoluto per intero alle famiglie” ha detto Stefania D’Echabur una delle organizzatrici. Al momento ne sono stati stampati 4.300. “Alla fine – precisa Gioia Papallo, tesoriera di Reset – parleremo con Caritas e con il Comune di Livorno e insieme individueremo i progetti per le famiglie che hanno bisogno”.

“Facciamo un appello – ha concluso D’Echabur – alle aziende e alle ditte perché il Natale si avvicina e quest’anno sarebbe bello se nei pacchi natalizi venisse inserito il calendario; inoltre cerchiamo eventi per la vendita del calendario e volontari per la vendita porta a porta e durante gli eventi”.

Ma dove sarà possibile acquistare i calendari? Ecco di seguito tutti gli eventi ai quali parteciperanno l’associazione Reset e le ideatrici del progetto con i loro banchetti e stand: domani, domenica 12, nell’ambito dell’Half Marathon all’interno del Palasport di via Allende e allo Stadio in occasione della partita tra i bimbi motosi a i ragazzi dei talent; il 18 e il 19 novembre al Terminal Crociere per Mare Divino; dal 18 novembre al 6 gennaio a Villa Mimbelli per il Villaggio di Natale; il 25 novembre in piazza Cavour con il gazebo di Reset; il pomeriggio del 26 novembre in piazza Cavallotti nell’ambito dell’evento “Salsicciamo” e dalle 15.30 alle 17.30 a Porta a Mare per “Le fiabe di sabbia”; il 3 dicembre a Porta a Terra per “Family Circus” dalle 15.30 alle 17.30; dall’8 dicembre all’8 gennaio in piazza XX settembre per il Mercato di Natale; l’8 dicembre in piazza di Colline con il bus di solidarietà; il 17 dicembre da Ghiomelli e a Porta a Terra per l’evento “Madonnari”.

Di seguito alcuni mesi del calendario:

 

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*