Dal tergicristallo al bianchetto: le invenzioni al femminile

Le donne che hanno dato un contributo importante alla storia

Bette Nesmith Graham inventrice del bianchetto
Share

Pubblicato ore 12:00

  • di Valeria Cappelletti

Le donne nel corso dei secoli non hanno svolto solo il ruolo di mogli e madri, molte di loro hanno realizzato invenzioni importanti cambiando la storia dell’umanità.

Mary Anderson

Mary Anderson, statunitense vissuta tra il 1866 e il 1953 ha inventato il tergicristallo quando ancora le automobili non erano comuni. Nel 1903 Mary si trovava a New York, era una giornata di pioggia e salì a bordo di un taxi notando che il guidatore doveva tenere i finestrini abbassati per sporgersi e vedere la strada. La donna tornata a casa si mise subito al lavoro e inventò questo dispositivo. Nel 1917 un’altra donna Charlotte Bridgewood inventò il primo tergicristalli elettrico. Sapete cosa si utilizzava prima dell’avvento del tergicristallo? La patata. Strofinare una fetta di patata sul parabrezza dell’automobile faceva scivolare via le gocce senza fermarsi impedendo la visuale.

Josephine Cochrane

Josephine Cochrane invece inventò la lavastoviglie. La donna, americana, nata nel 1839, era molto ricca e organizzava cene nella sua abitazione, pertanto aveva necessità di un macchinario che le permettesse di lavare grandi quantità di piatti. Così nel 1833 costruì la lavastoviglie ma dovette scontrarsi con molti uomini d’affari che, come spesso accadeva a quei tempi, non credettero fosse stata lei a inventarla o che ne misero in dubbio l’efficacia, solo nel 1886 trovò il meccanico George Butters disposto ad aiutarla a brevettarla. Quando morì, l’azienda che aveva fondato venne acquistata dalla Hobart, l’attuale Whirpool Corporation.

Pensate al bianchetto, detto anche scolorina, tanto usato a scuola per correggere gli errori ortografici, ebbene anche questo è stata opera di una donna, per la precisione di Bette Nesmith Graham segretaria presso una banca texana. Bette si rese conto dei tanti errori di battitura dovuti alle prime macchine da scrivere da lei usate e perciò, a metà degli anni ’50 del Novecento, decise di provare usando i colori da pittore, lei infatti prima di diventare segretaria dipingeva. Fu così che unendo la tempera bianca con altri prodotti di make up arrivò a creare il bianchetto.

Hedy Lamarr

Hedy Lamarr è stata una diva di Hollywood, famosissima nel mondo del cinematografo, fu la prima a mostrarsi completamente nuda nel film cecoslovacco “Exstase” di Gustav Machaty all’età di 18 anni. Ma Hedy Lamarr, vero nome Hedwig Eva Maria Kiesle era anche un’inventrice. Era laureata in ingegneria e durante la seconda guerra mondiale, insieme al compositore George Antheil, realizzò un sistema per criptare le comunicazioni via radio ancora oggi alla base di molti sistemi di comunicazione radio.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*