Crociere 2017: in calo passeggeri e scali a Livorno

La causa: minor impiego del Mar Mediterraneo da parte dei gruppi croceristici

crociere

LIVORNO – Quasi 100mila passeggeri in meno hanno raggiunto il porto di Livorno nel 2017 rispetto al 2016. Alla vigilia dell’Italian Cruise Day, l’appuntamento annuale promosso da Risposte e Turismo che riunisce tutti gli operatori del settore e che fornisce un quadro dettagliato sull’industria crocieristica in Italia, il presidente di Porto di Livorno 2000, Massimo Provinciali, fa il punto sulla situazione del traffico crocieristico di Livorno e sulle prospettive future. Ed è questo il dato che salta principalmente agli occhi: secondo le previsioni il 2017 si chiuderà con un totale di 342 scali per oltre 700.000 passeggeri, laddove nel 2016 a Livorno abbiamo ospitato 403 scali di navi da crociera con 807.935 passeggeri in totale.

“Si tratta di una flessione non imputabile ai servizi resi dal porto – sostengono dalla Porto di Livorno 2000 – bensì ad un ridotto impiego nel Mediterraneo da parte dei maggiori gruppi crocieristici, principalmente causato dalla instabilità politica dell’area e dalla maggior attrattiva rappresentata dai mercati del Far East (Estremo Oriente, n.d.r.). E comunque il raffronto su base biennale 2015-2017 mostra una complessiva tenuta di Livorno rispetto alle perdite a due cifre di altri porti, nonostante le mutate condizioni generali di traffico”.

Il 2016 quindi, secondo i dati, si rivela essere stato l’anno migliore per le crociere a Livorno, con un aumento rispetto al 2015 del 9,71% per gli scali e del 15,8% dei passeggeri, in forte contro tendenza rispetto ai porti del Mediterraneo e anche dei porti italiani in generale. Basti pensare che nel 2016 negli altri porti italiani è stato registrato, per numero di passeggeri, un aumento del 3% a Civitavecchia, a La Spezia un calo del 24%, a Napoli un aumento del 2,9%, a Venezia un aumento dell’1,5%. Quindi la crescita di Livorno si attestava considerevolmente sopra la media degli altri porti italiani.

Pare che il 2018 si preannunci, secondo le prospettive, migliore rispetto al 2017: “Abbiamo già prenotato 354 scali e 750.000 passeggeri – proseguono – Ci sono diversi segnali positivi come si è riscontrato nei vari incontri avuti con gli armatori in occasione della missione di Amburgo delle settimane scorse, per il rientro di alcune navi e di linee che in passato hanno lasciato Livorno”.

Per quanto riguarda la situazione attuale: “Abbiamo tutt’ora scali settimanali della nuova AidaPerla (partiti a giugno 2017 per un totale di 29 scali per il 2017, 9 per il 2018 che prevede anche 27 scali della gemella AidaPrima), 17 scali di MSC Armonia (che effettua lo sbarco e imbarco parziale dei passeggeri a Livorno), numerosi sono gli scali di Royal Caribbean ed in particolare di Celebrity Cruises e del Gruppo Prestige (NCL, Oceania, Regent) che hanno continuato a supportare il nostro porto nel passato come faranno in futuro. Anche nel settore “Lusso” il nostro porto, che offre per queste navi la possibilità di ormeggiare nell’antico Porto Mediceo è privilegiato con scali regolari di Silversea Cruises, Seabourn, Azamara, Viking Cruises e tante altre linee indipendenti che ci onorano con la loro presenza regolare.

A cura della redazione

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*