Coronavirus. A Livorno il numero delle denunce e dei controlli dal 12 marzo a ieri

Il sindaco: "L'atteggiamento "furbo" rischia di complicare la vita a migliaia di persone"

coronavirus controlli
Share

Pubblicato ore 19:18

LIVORNO – 25 persone denunciate e 1415 controlli di persone ed esercizi commerciali fatti dalla Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di Finanza e Polizia municipale a Livorno da giovedì 12 marzo a ieri, domenica 15, è il bollettino riportato dal sindaco Salvetti.

Il sindaco ha poi lanciato un forte monito: “Dopo il week-end convincente, parte la nuova settimana con più gente in strada, era prevedibile perché come detto più volte il decreto del governo permette spostamenti per lavoro, acquisto di generi alimentari e medicine, attività fisica e sgambata dei cani. È chiaro però che anche quello che permette il decreto deve essere interpretato nella giusta maniera e non può diventare la scappatoia per giri lunghissimi in lungo e largo per la città. L’atteggiamento “furbo” rischia di complicare la vita a migliaia di persone che in questo momento stanno a casa e magari hanno dovuto chiudere le proprie attività o hanno difficoltà nei rapporti con i familiari. L’invito a tutti è quello di rispettare le regole in primis per la salute di tutti e poi per contribuire a chiudere il prima possibile questa emergenza che sta creando grandi difficoltà anche sul fronte del lavoro”.

Salvetti dunque conclude: “Il lavoro continuerà con posti di blocco e interventi su segnalazione: comprenderete che le poche migliaia di uomini delle forze dell’ordine non potranno mai controllare uno a uno i 160 mila cittadini di livorno, serve autocontrollo e grande responsabilità”.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*