Il busto di Amedeo Modigliani viene trasferito

Una collocazione più strategica darà maggior visibilità all’opera

LIVORNO- Oggi si è aperto  il cantiere per il trasferimento del busto di Amedeo Modigliani, opera di Vitaliano de Angelis (1955), dal parco di Villa Fabbricotti all’Attias, precisamente nello slargo tra via Marradi e via Roma.

Una collocazione più strategica che darà maggior visibilità all’opera rispetto all’attuale, posta sul retro di Villa Fabbricotti, e poi costituirà elemento di arredo in un punto centralissimo della città, tra l’altro a pochi passi da Casa Modigliani.

L’intervento prevede la collocazione del busto su un basamento rivestito in lastre di travertino, che presenterà una banda centrale avvolta da lamiera verniciata di rosso; un rosso acceso che in un campo prospettico d’insieme, richiamerà il rosso della grande “A” di Renato Spagnoli di piazza Attias.

Il rosso sarà ripreso anche nella nuova pavimentazione della piazzetta in  pietra artificiale color grigio su cui saranno inserite anche alcune  lastre di gres porcellanato sempre in rosso.

Infine, di color rosso, sarà lo schienale in lamiera di una panchina, con seduta in granito, che sarà collocata a poca distanza dal busto. Con la sistemazione dell’area, sarà spostata permanentemente la fermata dell’autobus in via Marradi.

Durata dell’intervento: 45 giorni, anche se – come affermano i tecnici che seguono i lavori  “L’obiettivo è terminare l’intervento entro il 12 luglio, per il compleanno di Modigliani”.

A cura della redazione

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*