Alle Sughere i detenuti diventano attori grazie al laboratorio di teatro

Hanno messo in scena uno spettacolo ispirato al mito di Prometeo

Share

Pubblicato ore 16:00

LIVORNO – Si è svolto nei giorni scorsi, all’interno della Casa Circondariale di Livorno, uno spettacolo teatrale liberamente ispirato al mito greco di Prometeo, “Il dono necessario”, esito di un laboratorio di teatro rivolto ai detenuti della sezione di Alta Sicurezza condotto da Teresa Delogu con l’assistenza di Lavinia Meo.

Il laboratorio si è svolto in un’ottica inclusiva e partecipativa, tesa a recuperare e valorizzare le capacità espressive di ciascun partecipante, in un processo mirato alla riscoperta ed al rafforzamento di capacità sociali, relazionali tanto preziose nel difficile cammino del reinserimento nella società.

Lo spettacolo coinvolgente ed emozionante ma al tempo stesso ironico e dissacrante ha appassionato e coinvolto il numeroso pubblico formato da detenuti e da oltre cinquanta ospiti esterni. La scenografia è stata allestita in uno dei cortili passeggio del reparto alta sicurezza e per la prima volta la rappresentazione si è svolta nelle ore pomeridiane-serali, infatti lo spettacolo si svolto dalle ore 19 alle 21.

Sono stati coinvolti nel progetto teatrale oltre 20 detenuti fortemente supportati dai compagni di reparto che non hanno fatto mancare sostegno e partecipazione.

Il progetto si inserisce nel vasto panorama di attività trattamentali che l’area educativa dell’istituto mette a disposizione della popolazione detenuta, con il coinvolgimento fondamentale di Istituzioni e associazioni di volontariato e del terzo settore, con l’obbiettivo di mettere a disposizione dei detenuti strumenti di elaborazione e di protagonismo positivo finalizzati a percorsi di crescita individuale e collettiva.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*