Stagno. Rossi su Eni: “Situazione ben monitorata da Arpat”

Richiesti controlli intensi e massima informazione per i cittadini

stagno

LIVORNO – “Mi risulta che la situazione dell’impianto Eni di Stagno sia ben monitorata da Arpat, alla quale ho chiesto di garantire un livello di controlli intenso e costante, insieme al massimo di informazione verso la cittadinanza”. È quanto detto dal presidente della Regione Toscana Enrico Rossi dopo che l’alluvione di sabato notte ha provocato lo sversamento di idrocarburi dalla centrale posta nella zona di Stagno.

“Tre sono i punti da tenere sotto controllo – ha aggiunto Rossi – serve che Eni presenti un piano di gestione del rischio corredato da precisi tempi di attuazione. Occorre avere i risultati del monitoraggio atmosferico che è in corso così da informare i cittadini che sono giustamente preoccupati. Serve infine intervenire in tempi rapidi con i pompaggi, per evitare lo sversamento in mare degli idrocarburi che le acque hanno fatto emergere, posto che le barriere posizionate, hanno fin qui evitato sversamenti più consistenti”.

A cura della redazione

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*