“Orto in condotta”, oltre 2 mila euro per i terremotati

Sono stati raccolti dai bambini durante l'ultimo mercato contadino

orto in condotta
Share

LIVORNO – Oltre 2 mila euro (2135,48 per la precisione) da destinare al finanziamento di Slow Food Italia, un progetto per il sostegno delle regioni colpite dal terremoto (Lazio, Marche, Umbria e Abruzzo). A tanto ammonta l’assegno che i bambini del progetto di Orto in condotta, a cura di Slow Food Livorno, hanno raccolto nel corso dell’ultimo Mercato Contadino svoltosi nel parco di Villa Mimbelli il 30 maggio scorso.

Intitolato “La buona strada. Ripartiamo dal cibo”, il progetto nazionale conta infatti di raccogliere 180 mila euro da destinare a contadini e allevatori con l’acquisto di un furgone attrezzato per la vendita dei prodotti, di un caseificio mobile e la realizzazione di un Mercato della Terra. Tutti strumenti volti a tutelare il territorio ed il lavoro di chi tenacemente resiste e non vuole lasciare borghi e attività.

“Poco più di 2 mila euro sono pochi rispetto alla somma che Slow Food si è prefissa di raccogliere per aiutare le popolazione terremotate – ha detto il vicesindaco Stella Sorgente – ma la raccolta dei nostri bambini resta pur sempre un’azione davvero lodevole e un insegnamento a superare l’individualismo a tutto vantaggio di un senso di comunità”.

Quanto al progetto di Slow Food Italia “La buona strada. Ripartiamo dal cibo”, questo è stato presentato con successo a L’Aquila nel corso della seconda edizione del Festival della Partecipazione. Conclusosi nella giornata di ieri, il Festival ha visto lo svolgimento di 4 giornate dedicate al confronto, alla riflessione, alla rigenerazione urbana e alle politiche dal basso con la presentazione di numerose esperienze di città italiane.

A cura della redazione

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*