Ufficio turistico di Livorno, la gestione a una società di Firenze

Si tratta della cooperativa Florence Planet

ufficio turistico
  • di Valeria Cappelletti

LIVORNO – Da 20 anni gestisce servizi di accoglienza e informazione turistica del centro storico del Comune di Firenze. Dall’1 luglio, dopo aver vinto un bando pubblico predisposto dal Comune, la cooperativa Florence Planet si occupa del punto informazioni di via Pieroni e di quello all’Alto Fondale. Una cooperativa sociale di tipo B che ha l’obbligo di assumere almeno il 30% di soggetti svantaggiati. Questa mattina la società  guidata dal presidente Giacomo Bini e Paolo Pestelli, direttore tecnico ha incontrato i giornalisti, insieme all’assessore Francesco Belais, per illustrare i servizi.

ufficio turistico
I turisti stamani all’interno dell’Ufficio

“C’è già stato un cambio di passo dell’Ufficio informazioni – ha detto Belais – adesso possiamo trovare richiami alla città di Livorno come i gadget grazie anche al brand di Made in Livorno di Alessandra Guidi. Abbiamo cercato di rendere questo ufficio la vetrina della città. Livorno è la porta della Toscana e sono molti i turisti che qui trovano informazioni anche su altre località come Pisa e Firenze, ma noi dobbiamo far rimanere i turisti e i croceristi a Livorno” e l’assessore comunica che: “Il nostro intento era di spostarci da via Pieroni, avevamo trovato un posto bellissimo, non posso rivelarlo ancora perché ci stiamo lavorando, purtroppo a causa di problemi tecnici abbiamo dovuto accantonare l’idea ma ci lavoreremo nel prossimo inverno, sperando che vada in porto”.

Tra le novità lanciate dalla Florence Planet c’è il walking tour che consiste in un giro turistico della città che parte la mattina con il tour in battello e termina con una degustazione di olio o altro al Mercato Centrale.

“Noi vogliamo fare in modo che questo ufficio pur avendo una valenza regionale, sia il luogo che valorizzi e promuova la città di Livorno” ha detto Bini.

“Livorno ha tantissimo da offrire – ha aggiunto Pestelli – il nostro obiettivo è di offrire servizi vari a seconda della tipologia di utenza rispetto alle navi che arrivano”. E proprio per questo l’Ufficio predispone una raccolta dati statistici relativi all’utente privato, non al crocerista, che riguardano la nazionalità, quanti giorni si ferma a Livorno, dove risiede e come ha conosciuto la città. Alla fine del soggiorno l’utente può esprimere la propria opinione su vari fattori come l’accoglienza. “Al momento è presto per avere dei dati certi – ha concluso Pestelli – ma a fine agosto sapremo qualcosa di più sui flussi turistici. Inoltre verrà presto introdotta una costumer care tramite tablet che servirà per capire come il turista percepisce la città dal punto di vista della pulizia, dei servizi pubblici”.

Belais poi lancia l’idea della “corte del cibo” per la zona che comprende anche l’Ufficio informazioni di via Pieroni: “Faccio un appello alle persone che operano nel food, se invece di un’altra banca aprissero dei negozi che vendono prodotti locali questo luogo potrebbe diventare un posto straordinario e sarebbe anche un deterrente al degrado perché si sa che i locali stanno aperti per più ore”.

Un altro importante soggetto è il Tavolo dell’Accoglienza che lavora in stretta sinergia con l’Ufficio turistico e che ha come obiettivo il miglioramento della segnaletica turistica.

Gli orari del Punto Informazione sono: tutti i giorni compresi i festivi dalle 9 alle 16. Alto Fondale tutti i giorni in cui arrivano le navi dei croceristi dalle 7.30 alle 11.30.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*